Alliance Cicatrici
Forum Infettivologico
Alliance Dermatite
Xagena Newsletter

Immunoterapia con Gemogenovatucel-T come mantenimento in prima linea nel tumore ovarico in stadio III/IV: studio VITAL


Gemogenovatucel-T ( Vigil ) è un vaccino con cellule tumorali autologhe prodotto da tessuto tumorale raccolto, che riduce specificamente l'espressione di furina e TGF-β1 e TGF-β2 a valle.

Sono state determinate la sicurezza e l'efficacia di Gemogenovatucel-T nel mantenimento del tumore all'ovaio in prima linea.

Questo studio di fase 2b randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo ha coinvolto 25 ospedali negli Stati Uniti.
Donne di età pari o superiore a 18 anni con carcinoma ovarico sieroso, endometrioide o a cellule chiare in stadio III/IV di alto grado in risposta clinica completa dopo una combinazione di chirurgia e di 5-8 cicli di chemioterapia con Carboplatino e Paclitaxel e un ECOG status di 0 o 1 erano eleggibili per l'inclusione nello studio.

Le pazienti sono state assegnate in modo casuale a Gemogenovatucel-T oppure a placebo dopo lo screening stratificando in base all'entità della citoriduzione chirurgica e alla chemioterapia neoadiuvante rispetto a quella adiuvante.

Gemogenovatucel-T ( 1 x 10(7) cellule per iniezione ) oppure placebo è stato somministrato per via intradermica ( 1 al mese ) per un minimo di 4 e fino a 12 dosi.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da recidiva, analizzata nella popolazione per protocollo.
Tutte le pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di Gemogenovatucel-T sono state incluse nell'analisi di sicurezza.

Tra il 2015 e il 2017, 310 pazienti hanno acconsentito allo studio in 22 siti. 217 sono state escluse.
91 pazienti hanno ricevuto Gemogenovatucel-T ( n=47 ) oppure placebo ( n=44 ) e sono state analizzate per sicurezza ed efficacia.

Il follow-up mediano dalla prima dose di Gemogenovatucel-T è stato di 40.0 mesi e dalla prima dose di placebo è stato di 39.8 mesi.

La sopravvivenza libera da recidiva è stata di 11.5 mesi per le pazienti assegnate a Gemogenovatucel-T contro 8.4 mesi per le pazienti assegnate al placebo ( hazard ratio, HR=0.69, P unilaterale=0.078 ).

Gemogenovatucel-T non ha prodotto effetti tossici di grado 3 o 4. 2 pazienti nel gruppo placebo hanno manifestato 5 eventi tossici di grado 3, tra cui artralgia, dolore osseo, debolezza muscolare generalizzata, sincope e dispnea.
7 pazienti ( 4 nel gruppo placebo e 3 nel gruppo Gemogenovatucel-T ) hanno presentato 11 eventi avversi gravi.
Nessun decesso correlato al trattamento è stato segnalato in nessuno dei gruppi.

L'immunoterapia con Gemogenovatucel-T, in prima linea, come mantenimento è stata ben tollerata ma l'endpoint primario non è stato raggiunto.
Sono necessarie ulteriori indagini su Gemogenovatucel-T in pazienti stratificate per stato della mutazione BRCA. ( Xagena2020 )

Rocconi RP et al, Lancet Oncology 2020; 21: 1661-1672

Onco2020 Gyne2020 Med2020 Farma2020


Indietro