Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Alliance Dermatite
Xagena Newsletter

Lisocabtagene maraleucel per pazienti con linfomi a grandi cellule B recidivanti o refrattari: studio TRANSCEND NHL 001


Lisocabtagene maraleucel ( Liso-cel ) è un prodotto autologo di cellule CAR-T anti-CD19.
Sono state valutate l'attività e la sicurezza di Liso-cel in pazienti con linfomi a grandi cellule B recidivanti o refrattari.

È stato condotto uno studio di progettazione senza interruzioni presso 14 Centri oncologici negli Stati Uniti.
Sono stati arruolati pazienti adulti di età a partire da 18 anni con linfomi a grandi cellule B recidivanti o refrattari.
I sottogruppi istologici idonei includevano linfoma diffuso a grandi cellule B, linfoma a cellule B di alto grado con riarrangiamenti di MYC e BCL2, BCL6 o entrambi ( linfoma double-hit o triple-hit ), linfoma diffuso a grandi cellule B trasformato da qualsiasi linfoma indolente, linfoma primitivo a cellule B mediastinico e linfoma follicolare di grado 3B.

I pazienti sono stati assegnati a uno di tre livelli di dose target di Liso-cel così come sono stati testati in sequenza nello studio ( 50 x 106 cellule CAR-T una o due dosi, 100 x 106 cellule CAR-T e 150 x 106 cellule CAR-T ), che sono state somministrate come infusione sequenziale di due componenti ( cellule CAR-T CD8+ e CD4+ ) a dosi target uguali.

Gli endpoint primari erano gli eventi avversi, le tossicità dose-limitanti e il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) valutato secondo i criteri di Lugano.
Gli endpoint sono stati valutati da un Comitato di revisione indipendente nel set valutabile di efficacia comprendente tutti i pazienti che avevano malattia PET-positiva e avevano ricevuto almeno una dose di Liso-cel.

Tra il 2016 e il 2019, 344 pazienti sono stati sottoposti a leucaferesi per la produzione di cellule CAR-T ( Liso-cel ), di cui 269 hanno ricevuto almeno una dose di Liso-cel.
I pazienti avevano ricevuto una mediana di 3 precedenti linee di trattamento sistemico, con 260 pazienti ( 97% ) che avevano avuto almeno 2 linee.
112 pazienti ( 42% ) avevano un'età pari o superiore a 65 anni, 181 ( 67% ) avevano una malattia refrattaria alla chemioterapia e 7 ( 3% ) avevano un coinvolgimento secondario del sistema nervoso centrale ( SNC ).

Il follow-up mediano della sopravvivenza globale per tutti i 344 pazienti con leucaferesi è stato di 18.8 mesi.

La sicurezza e l'attività complessive di Liso-cel non differivano in base al livello di dose.
La dose target raccomandata era 100 x 106 cellule CAR-T ( 50 x 106 cellule CAR-T CD8+ e 50 x 106 cellule CAR-T CD4+ ).

Tra i 256 pazienti inclusi nel set valutabile in base all'efficacia, 186 ( 73% ) hanno raggiunto una risposta obiettiva, e 136 ( 53% ) una risposta completa.

Gli eventi avversi di grado 3 o superiore più comuni sono stati neutropenia in 161 pazienti ( 60% ), anemia in 101 ( 37% ) e trombocitopenia in 72 ( 27% ).

La sindrome da rilascio di citochine ed eventi neurologici si sono verificati rispettivamente in 113 ( 42% ) e in 80 ( 30% ) pazienti; la sindrome da rilascio di citochine e gli eventi neurologici di grado 3 o superiore si sono verificati rispettivamente in 6 ( 2% ) e 27 ( 10% ) pazienti.
9 pazienti ( 6% ) hanno presentato una tossicità dose-limitante, incluso 1 paziente che è morto per danno alveolare diffuso a seguito di una dose di 50 x 106 cellule CAR-T.

L'uso di Liso-cel ha determinato un alto tasso di risposta obiettiva, con una bassa incidenza di sindrome da rilascio di citochine ed eventi neurologici di grado 3 o maggiore in pazienti con linfomi a grandi cellule B recidivanti o refrattari, compresi quelli con diversi sottotipi istologici e caratteristiche ad alto rischio. ( Xagena2020 )

Abramson JS et al, Lancet 2020; 396: 839-852

Emo2020 Onco2020 Med2020



Indietro