Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Farmaexplorer.it

Terapia di induzione con cellule staminali mesenchimali autologhe nei trapianti di rene da donatore vivente imparentato


La terapia di induzione con anticorpi più inibitori della calcineurina riduce i tassi di rigetto acuto in persone che ricevono trapianto di rene; tuttavia, le infezioni opportunistiche e gli effetti tossici degli inibitori della calcineurina restano una sfida aperta.

Come riportato in letteratura, le cellule staminali mesenchimali hanno trattato con successo la malattia trapianto-vs-ospite ( GvHD ).

Uno studio ha valutato l’uso di cellule staminali mesenchimali autologhe in sostituzione della induzione di anticorpi per pazienti con nefropatia in stadio terminale sottoposti a trapianto di rene da donatore vivo e imparentato, ABO-compatibile e senza cross-reattività.

A reclutamento completato, 159 pazienti sono stati arruolati nello studio prospettico, in aperto e randomizzato, a singolo Centro, nel periodo 2008-2009.

Ai pazienti sono state inoculate cellule staminali mesenchimali derivate dal midollo ( 1-2 x 10(6)/kg ) alla riperfusione del rene e 2 settimane più tardi.

In totale, 53 pazienti hanno ricevuto la dose standard e 52 una bassa dose di inibitori della calcineurina ( 80% della dose standard ); 51 pazienti nel gruppo controllo hanno ricevuto anticorpo anti-recettore di interleuchina-2 ( anti-IL-2R ) più dose standard di inibitori della calcineurina.

Le misure di esito primarie erano l’incidenza a 1 anno di rigetto acuto e la funzione renale ( velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ] ); le misure secondarie erano la sopravvivenza del paziente e del trapianto, e l’incidenza di eventi avversi.

La sopravvivenza di pazienti e trapianto da 13 a 30 mesi è risultata simile in tutti i gruppi.

Dopo 6 mesi, 4 dei 53 pazienti ( 7.5% ) nel gruppo cellule staminali mesenchimali autologhe più dose standard di inibitori della calcineurina ( P=0.04 ) e 4 dei 52 ( 7.7% ) nel gruppo a bassa dose ( P=0.046 ), rispetto a 11 dei 51 controlli ( 21.6% ), ha mostrato rigetto acuto confermato per via bioptica.

Nessuno dei pazienti nei gruppi cellule staminali mesenchimali autologhe ha mostrato rigetto resistente a glucocorticoidi, contro 4 pazienti ( 7.8% ) nel gruppo controllo ( P generale=0.02 ).

La funzione renale è stata recuperata più velocemente in entrambi i gruppi cellule staminali mesenchimali che hanno mostrato un aumento nei livelli di eGFR durante il primo mese dopo la chirurgia, rispetto al gruppo controllo.

I pazienti in trattamento con dose standard di inibitori della calcineurina hanno mostrato una differenza media di 6.2 mL/min per 1.73 m2 ( P=0.04 ) e quelli in trattamento con bassa dose di inibitori della calcineurina una differenza di 10.0 mL/min per 1.73 m2 ( P=0.002 ).

Inoltre, durante il follow-up di 1 anno, analisi combinate di gruppi trattati con cellule staminali mesenchimali hanno rivelato una significativa diminuzione del rischio di infezioni opportunistiche rispetto al gruppo controllo ( hazard ratio, HR=0.42; P=0.02 ).

In conclusione, tra pazienti sottoposti a trapianto di rene, l’uso di cellule staminali mesenchimali autologhe, rispetto alla terapia di induzione con anticorpo anti-recettore di IL-2, ha portato a una minore incidenza di rigetto acuto, una diminuzione del rischio di infezioni opportunistiche e una miglior funzione renale stimata a 1 anno. ( Xagena2012 )

Tan J et al, JAMA 2012; 307: 1169-1177

Nefro2012 Emo2012 Farma2012


Indietro